Creare un home office con stile

Il COVID-19 ha portato alla ribalta il telelavoro, che si è fatto uno spazio tutto suo nella vita di milioni di persone. Una relazione che sembra destinata a durare nel tempo.

 Brands come Twitter e Facebook hanno recentemente annunciato la volontà di cristallizzare questo nuovo modo di lavorare. Una riflessione che aleggiava nell’aria da tempo e che presenta numerosi vantaggi: con l’eliminazione del tragitto casa-lavoro si risparmiano un bel po’ di soldi e alla fine del lavoro non si spreca nemmeno un minuto del proprio tempo libero in code interminabili sulla tangenziale o in treni sempre in ritardo, basta spegnere il computer. Poiché si appresta a diventare un’abitudine, è indispensabile ridipingere lo spazio dedicato al proprio ufficio in casa e cominciare a considerarlo come un “vano” a pieno titolo.

Per quanto mi riguarda, la mia lunga relazione con il telelavoro è molto armoniosa. I traduttori freelance conoscono bene l’importanza di rendere più gradevole possibile l’allestimento dei pochi o tanti metri quadrati ritagliati nel proprio appartamento e consacrati alla traduzione.

Oltretutto, arredare uno spazio, anche minuscolo, e renderlo accogliente e confortevole non richiede un budget troppo elevato. Ecco qualche consiglio.

Delimitate lo spazio.

L’ufficio deve essere concettualmente e visualmente distinto dal resto della casa. Che venga sistemato fra due finestre, in un armadio a muro o in un angolo inutilizzato dell’appartamento, merita di avere un’identità propria.

Ottimizzate lo spazio.

Non si butta via niente, utilizzate tutto ! Una porzione di libreria, una nicchia, il davanzale di una finestra, tutto può essere utilizzato quando si tratta di ottimizzare un piccolo spazio.

Trasformate i difetti in pregi.

Elevate a un rango superiore quegli spazi inutili che vi disturbano solo a guardarli. Un ripostiglio o un sottoscala possono trasformarsi in un home office pratico e funzionale.

Siate creativi !

Tentate il tutto per tutto e osate propendere per soluzioni creative! Poco importa quanto grande sia il vostro appartamento: lasciate l’immaginazione volare libera. E se, oltre a essere creativi, intrattenete rapporti sereni con seghetti alternativi, trapani e cacciaviti, c’è di che sbizzarrirsi. 

Il mio home office

Nei 16m² del mio soggiorno, vivono in lieta convivenza il letto a soppalco, lo spazio divano/tv/biblioteca e il mio ufficio, appunto. Per il suo allestimento, ho utilizzato in gran parte materiale di recupero. Prezzo totale: 92 euro, sedia inclusa. D’altronde, vi consiglio di non lesinare sull’acquisto di una sedia. Ha un compito fondamentale: prendersi cura della vostra schiena e delle vostre terga, sorvegliando che manteniate sempre una posizione corretta.

Thank you to DigsDigs for your inspirations


Patricia Soda è traduttrice dal 2001. Specializzata in traduzione audiovisiva e per l’editoria, è anche copywriter. Freelance dal 2012, traduce dall’inglese e dal francese verso l’italiano e condivide, attraverso questo blog, gioie e dolori con i colleghi e con tutti gli appassionati di lingue.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *